L’estate È Orange

Se l’imperativo anche quest’anno è “Agosto, tristezza non ti conosco”, cosa c’è di meglio per rallegrare spiriti un po’ malinconici, che indossare un capo color arancione. Tinta succosa e facilmente abbinabile, che più di ogni altra dà luce e charme soprattutto con l’abbronzatura

Bella la vita in arancione. Il colore caldo e solare per antonomasia, la tinta che più di tutte furoreggia nei sogni e negli armadi di molte notti e molti giorni di questa mezza estate. E se l’imperativo anche quest’anno è “Agosto, tristezza non ti conosco”, cosa c’è di meglio per rallegrare spiriti un po’ malinconici, che indossare un capo color arancione. Tinta succosa e facilmente abbinabile, che più di ogni altra dà luce e charme soprattutto con l’abbronzatura.

Case di pret-à-porter o haute Couture, grandi stilisti o nuove leve della moda, tutte si sono dedicate a una estateorange, il giorno come la sera. Perché ogni occasione e è buona per indossarlo…

Al mare, per esempio, come suggerisce La Perla, con un microbikini a triangolo con inserti e applicazioni delicate e romantiche. Più retrò con la tenuta da spiaggia chic firmata Max Mara. Due pezzi stile anni ’60 e accappatoio a righe tono su tono.

Per il giorno ecco le proposte di Ines Valentinitsch, che suggerisce alle donne pantaloni lunghi leggeri in chiffon. Mix di stili per la gonna in raso aderentissima al polpaccio con bomber abbinato con ricami di ispirazione cinese, tutto firmato Massimo Rebecchi. Più sportivi e allo stesso tempo bon ton i pantaloncini al ginocchio, in seta e con risvolti di Miu Miu. E’ arancione ruggine, una tinta che strizza l’occhio al marrone, la gonnellia drappeggiata di Sophia Kokosalaki, con micro coda che si apre sulle gambe come una tenda…

Sapore d’oriente, terra che fa largo uso e abuso dei colori caldi, per la mise in orange style firmata Romeo Gigli con maglia trasparentissima con scollo profondo a ‘U’ e inserti dorati da principessa cambogiana. Niente a che vedere con la soluzione più occidentale di Alexander McQueen: tre pezzi all orange: giacchina corta a trapezio, camicia e pantaloni con trafori e lacci su vita, ginocchia e polpacci, da sexy paracadutista appena atterrata. Ancora giochi di coulisse per i cargo pants un po’ sportivi un po’ da odalisca che Julie Verhoven ha disegnato per il marchi francese Gibo.

Non mancano le versioni in arancione per accendere la sera con un colore caldo e rassicurante… Succede, per esempio, nella collezione per l’estate in corso di Pucci, che propone abito lungo con maniche oversize a pipistrello, e fantasia psichedelica anni ’70… E succede sulla passerella di Celine, che all’arancione abbina fucsia e biamco, su una sexy–tunica-peplo versione terzo millennio.

Chiudiamo con un genio allucinato che ogni volta sa stupire e non annoia mai. Parliamo di John Galliano, guru della moda e talento ormai indiscusso della Maison Dior. Il sua visione dell’arancione è in abito dai volumi esasperati, con capospalla a palloncino e maniche decisamente sproporzionate, che si arrotolano sino all’avambraccio e lasciano le spalle coperte. Per accogliere un abito in tinta con fibbie sulle cosce ed elastico che dà alla gonna un effetto palloncino. Insuperabile.

Author: Letizia Bonvicino

Share This Post On