Creatività Oltralpe

Parigi, da sempre incontrastata mecca della moda internazionale. Qui, nell’artistico quartiere di Montmatre, sorge la più antica suola di Moda. L’ESMOD.

Parigi, la ville lumière, la città cosmopolita dove nei boulevard passeggiano uomini e donne elegantemente vestiti, dove possiamo ammirare la scarpe chic o il cappotto classico del signora e la signora seduti in un bistrot…. Dove le vetrine illuminate a festa tutto l’anno attirano milioni di curiosi e compratori. Non c’è città più chic, elegante modaiola della Capitale Francese. Vera mecca della moda internazionale. Qui, nell’artistico quartiere di Montmatre, sorge la più antica suola di Moda. L’ESMOD. Fondata nel 1841 dal francese Alexis Lavigne, l’uomo che ha inventato i manichini che troneggiano nelle vetrine delle boutique di tutto il mondo, le simil-mannequin inanimae taglia 40 che indossano e mostrano l’abito impassibili e statuarie…

Scuola privata con corsi triennali l’Esmod è tra le più antiche nel mondo e rinomata in Francia per la preparazione che ha portato non poca fortuna a Thierry Mugler, Eric Bergere e Catherine Malandrino, che qui hanno studiato,e affinato la loro creatività.

Oltre alla studio della storia della moda, del disegno fashion e una perfetta conoscenza dei tessuti, chi esce da questa suola con un diploma tra le mani ha dalla sua anche una ottima conoscenza della moda in termini tecnologici, soprattutto di web e internet per una futuro da designer che abbraccia tutti i mezzi creativi e di produzione di una collezione…

Gemellato con i Fahion Institute of Tecnolgy di New York, l’Esmod ha sedi in oltre dieci località della Francia e offre ai suoi studenti possibilità di perfezionare gli studi in scuole di moda sparse tra Germania, India, Tahilandia, Giappone, Belgio e Danimarca per citare i paesi più affascinanti dove gli studenti dell’Esmod spesso seguono seminari durante il loro corso di studi.

Tra i diplomi di laurea dell’Esmod figurano quello di Alta Moda, Pret-à-porter uomo, Pret-à-porter donna, Lingerie e Moda Bimbo.

Come in ogni scuola che si rispetti non manca ogni fine anno il Final Work, il saggio dove tutti gli studenti dell’ultimo anno di corso presentano le loro più creative idee… Ancora lontani, ma per poco, dalla commercializzazione delle proprie collezioni, gli studenti hanno in questo frangente la possibilità di esprimersi seguendo tutta la loro vena creativa senza sottostare alle regole del marketing ma solo a quelle mai ferree della fantasia.

Author: Letizia Bonvicino

Share This Post On