Vintage Clinique, il laboratorio on line per il restauro di borse

Una borsa per una donna è molto più di un accessorio, per alcune è un’appendice indispensabile che deve poter contenere tutto il necessario per attraversare lo spazio e il tempo di una giornata, per altre è un oggetto di culto che vive di vita propria.
L’ho imparato per la prima volta da mia madre che scambierebbe volentieri un diamante per una borsa, da lei ho ereditato la concezione che una borsa è davvero bella se puoi indossarla ogni giorno, se oltre alla vista ti piace ancora di più al tatto e all’olfatto, se riesce a contenere con ordine il tuo disordine, se non ti costringe a ravanate interminabili dinanzi allo sportello della macchina o al portone di casa per cercare le chiavi, se è lei che si abbina a te e non viceversa!
A differenza di mia madre però io faccio parte di quella categorie di donne che sostituiscono la borsa solo due volte l’anno, in inverno e in estate: ci metto un po’ per trovare un modello che mi vada davvero a genio e quando lo trovo non l’abbandono più.

A me piacciono vecchie

Che io sia un’ accanita fan del Vintage si è capito ormai e il binomio borse & vintage è un unicum nel vocabolario fashionista delle vintagiste anonime (leggi le malate di shopping compulsivo rigorosamente vintage). Le borse vintage hanno un fascino particolare, ce ne sono alcune che hanno fatto storia e continuano a essere riproposte dalle grandi case di moda con piccole varianti tanto da essere amatissime anche da chi non si è votata alla religione dell’ old style ma non disdegna un accessorio prezioso che conferisce quel tocco retrò che fa immediatamente francese.

[metaslider id=4846]

Le tracolle e i secchielli sono in assoluto le mie preferite ma ahimè la pelle invecchia, e se è vero che qualche ruga conferisce fascino troppe rischiano di far sfiorire ogni autentica bellezza. Ma il concetto di reliquia da tenere sotto vetro, ecco no, non fa per me!

Le Borse si possono restaurare?

Se la borsa è stata comprata di recente ci si può rivolgere direttamente alla boutique che ce l’ha venduta, se sono passati meno di due anni la riparazione dovrebbe essere gratuita. Ma quando una borsa ha veramente tanti anni e necessita di un completo make up allora bisogna rivolgersi a dei professionisti che abbiano una straordinaria abilità e conoscenza dei materiali combinata a una solida cultura degli accessori moda.
Un’amica e nostra lettrice mi aveva parlato di Clinique Vintage, la clinica della borsa, una ditta artigiana in provincia di Ravenna specializzata proprio nel restauro di borse griffate. Le foto sul loro sito e sulla pagina Fb del PRIMA E DOPO erano a dir poco strabilianti, le recensioni ottime e così mi sono decisa a testare personalmente. In effetti ciò che mi ha davvero convinta è stato poter fare tutto in un paio di mosse senza muovermi da casa.

Il sito di Internet di Vintage Clinique: http://www.vintageclinique.it/

Come funziona

Serve solo uno smartphone. Si fotografa l’oggetto in questione da tutte le angolature e si allegano le immagini nell’apposito form compilato con i propri dati. L’azienda riceve la mail e valuta la fattibilità dell’intervento e nel giro di qualche ora invia un preventivo gratuito. Se il cliente accetta il preventivo un corriere arriverà direttamente a casa per ritirare l’accessorio ed eseguire il restauro nei tempi concordati.

Come nasce Vintage Clinique

La titolare di Vintage Clinique è Demetria una ragazza che sin dall’infanzia ha avuto dimestichezza con l’antico, suo nonno era antiquario. Poi gli anni di lavoro nelle boutique di abbigliamento e accessori vintage: a lei era stato affidato proprio il reparto accessori che nel tempo libero Demetria si dilettava a risistemare. All’inizio erano piccoli ritocchi, ricuciture, ripulitura delle parti in metallo e trattamenti nutritivi della pelle finché la richiesta di sempre maggiori interventi di restauro la portava a restare più ore nel retrobottega che al pubblico.

E’ così che è nata l’idea di aprire un’azienda propria con un laboratorio artigianale che si occupasse esclusivamente del restauro di borse. Da quel giorno lo stupore delle clienti che si vedono recapitare una borsa praticamente nuova dopo averne inviata una malandata è così frequente da essere il refrain più usato nei commenti sulla pagina Facebook e sul sito internet e in effetti è il motivo di maggior orgoglio per Demetria che considera il suo mestiere una forma d’arte.

E’ un lavoro che richiede conoscenza dei materiali e dei modelli, ma è fondamentale l’empatia con il/la cliente e con quella particolare emozione nel poter indossare di nuovo una borsa che sembrava irrimediabilmente rovinata.

Perché riportare a nuova vita una vecchia borsa

Una borsa in pelle non invecchia mai, si arricchisce di ricordi e di storia e prima o poi torna sempre di moda, lo sanno bene i vintagisti che per un modello 2.55 di Chanel o una Birkin farebbero follie.
Ci sono griffe che hanno costruito sulla Borsa una carriera e celebrità che hanno fatto di quel particolare modello di borsa un’icona intramontabile: la Birkin di Hèrmes ispirata a Jane Birkin, la Kelly Bag sempre di Hérmes creata per Grace Kelly, The Jackie by Gucci di Jackie Onassis, la Lady Dior disegnata su misura per Lady Diana sono dei modelli di riferimento intramontabili, dei veri pezzi da collezione. Chi le ha possiede un vero tesoro.

facebooktwittergoogle_pluslinkedin

3 pensieri su “Vintage Clinique, il laboratorio on line per il restauro di borse

  1. Conosco quest’azienda. Confermo tutto dell’articolo, sono bravissimi!!
    Hanno tempi un po’ lunghi, però aspettare qualche giorno in più per vedersi recapitare l’adorata “Chanel’ tornata nuova, ne vale veramente la pena.

  2. Ciao! Anche io ho scritto e mandato foto tramite l’apposita sezione sul loro sito, ma non mi hanno risposto. Quindi mi sorge un dubbio: sono ancora in attività o hanno chiuso?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>