Model Rooms a Firenze: dentro la stanza di una fashion lover

Maria Elena Evangelisti è un volto noto tra le fashion blogger del web, anche se lei si sente più “Fashion Lover“. Classe 1986 è modella e moglie, laureata in Giurisprudenza è una buona forchetta dalla lingua pungente che ama molto viaggiare e raccontarsi.
“Tre ragazze accomunate dall’essenza toscana, dal fare la modella per hobby e dalla mania delle foto” è così che nasce il Blog Sunshinedaughters che ospita contributi di donne e di uomini: viaggi, progetti ed outfit di personaggi famosi da emulare e di ragazzi o ragazze comuni dai quali trarre spunti creativi destinati a solleticare la fantasia di lettrici e lettori ad ogni cambio di stagione o semplicemente.. di tendenza.
Maria Elena con l’aiuto del Visual Artist Filippo Tomasi, un obiettivo sensibile e geniale il suo, ben conosciuto nel panorama artistico nazionale grazie alle tante collaborazioni tra Sport ed Alta Moda, ha voluto trasmettere agli appassionati lettori dei diari on line quello che avviene veramente dietro le quinte di una sfilata. Solo che non si è voluta limitare ad accompagnare i propri fan nei camerini..

bensì direttamente in camera.
maria_elena_posa_b maria_elena_posa_cmaria_elena_posa_amaria_elena_rooms_posa
Le stanze d’albergo o “Rooms” come recita il titolo del servizio fotografico, celano forse la vera essenza di una modella, per lavoro https://www.acheterviagrafr24.com/achat-viagra-en-ligne-suisse/ sempre in viaggio, ospite ambita, pregiata.. in alcuni casi esigente e soprattutto appariscente.

  Se l’arredamento non è frutto di una scelta personale, e tocca dunque adattarsi alle forme ed ai colori di volta in volta proposti, gli accessori sparsi, il profumo, i suoni che provengono dagli apparecchi portatili devono e riescono a fare la differenza, a dare quel tocco personalissimo che caratterizza comunque l’ambiente.
Maria Elena questo lo sa bene, sul suo Blog spesso presenta una playlist che accompagna i suoi diari di viaggio o le sue riflessioni.

[metaslider id=6896]

Tra le pareti di una stanza, sempre diversa per ogni grande location, si alimentano i pensieri, cresce l’attesa e cala conseguentemente la tensione accumulata in passerella. Nonostante l’abbigliamento minimal non consenta di valutare particolari espressioni stilistiche sartoriali, colpisce come una modella riesca a donare eleganza ad un semplice lenzuolo o ad un comune accappatoio cambiando semplicemente la propria espressione: un sorriso, uno sguardo basso, le labbra socchiuse e qualche dettaglio ammiccante bastano a creare la silhouette perfetta anche nel segreto di una stanza chiusa a chiave.
maria_elena_posa_dUna doccia, uno spuntino veloce, una telefonata di lavoro e una lettura intensa e distensiva, guardarsi allo specchio e stiracchiarsi un po’.. tutto fa parte di una “preparazione” persino la curiosità di aprire un cassetto, scorgere un particolare oltre la finestra, sopra o sotto l’orizzonte del cielo.
Filippo confessa di aver sfruttato la luce naturale durante gli scatti per rubare la realtà di ogni singolo istante, così da trasmettere in foto la purezza di una blogger contrapposta allo stile impeccabile https://www.acheterviagrafr24.com/achat-viagra-en-ligne-quebec/ della modella.Viaggiare per il mondo e rendersi conto che il mondo può essere racchiuso tra le pareti di un albergo, questa è la grande forza di chi riesce a guardarsi dentro o a lasciarsi guardare dall’esterno, magari attraverso il chiaro-scuro di una tenda, tra le feritoie di una finestra illuminata o per mezzo dell’obiettivo di una macchina fotografica.
Essere ed apparire si fondono dietro una bellezza acqua e

sapone che può diventare sofisticata per i riflettori, ma non mente mai tra le pareti di una camera d’albergo.

facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>